10° Convegno sintesi Gioacchino e Dina

Le dita delle mani sono dieci, in ogni dito c’è un ricordo bellissimo del nostro cammino di coppia dove abbiamo messo al centro della nostra vita di coppia e di questi nove anni di cammino spirituale il nostro Signore Gesu’. Queste due mani fanno un movimento bellissimo unendosi verticalmente trasformano la preghiera in danza. Dall’inizio nel nostro cammino di coppia abbiamo incontrato molti ostacoli specialmente nei periodi invernali andando e venendo da Caltanissetta come: le piogge, i venti ed altre cose, ma noi siamo stati sempre forti perché la forza veniva da Dio, rispondendo alla sua chiamata con un “Eccoci”, siamo qui per Te’ per lodarti, benedirti e ringraziarti in quanto  tu sei Il Signore della nostra vita e della nostra famiglia. La preghiera del cuore per noi è stata la preghiera dove lo Spirito Santo ci suggeriva quello che dovevamo dire e da li è iniziata la nostra formazione. Essa anno per anno ci ha maturati ed oggi possiamo dire questo:  la mancanza di preghiera e formazione ci rende tiepidi, il nostro Signore Gesu’ ci vuole caldi, cioè aprire la porta dei nostri cuori per fare entrare il nostro Signore Gesu’ , solo così possiamo raggiungere la salvezza. Per noi questi due giorni di Convegno sono stati bellissimi e intensi, scoprendo che la danza è uno dei tanti doni ricevuti da Gesu’.

A noi ci ha colpiti particolarmente quando abbiamo danzato tutti insieme, in quando danzando abbiamo pregato  e danzato per Gesu’ e abbiamo anche scoperto che la danza ci rende liberi dalle preoccupazioni,, dalle angosce e dalla solitudine, perché la danza è, e sara’ sempre un qualcosa di sacro. 

Caltanissetta 01 Luglio 2018

Dina e Gioacchino GsT Canicatti’).

Gruppi di Spiritualità della Tenerezza