11.11-L’Impresa-diventa-Coppia

OASI CRISTO RE

CALTANISSETTA

27- 28 GIUGNO 2015

Machio e Femmina li Creò (Gen 1,27) FAMIGLIA ICONA DI DIO TRINITA'
Machio e Femmina li Creò (Gen 1,27)
FAMIGLIA ICONA DI DIO TRINITA’

Sintesi della 1^ Relazione VII Convegno di Tenerezza

L’IMPRESA DI DIVENTARE COPPIA

Relatore: Don Carlo Rocchetta

27 Giugno 2015 Oasi Cristo Re – Caltanissetta

 


Il matrimonio è un grande viaggio in cui entra in gioco il passato, il presente e il futuro. Tutti noi abbiamo una storia e bisogna guardare il proprio passato  per poi andare avanti proiettandosi verso il futuro. In questo percorso è necessario tenere  presente le parti sane e quelle ferite.

Le parti sane, potenzialmente presenti in ognuno di noi, sono in noi perché imago deus:

  • bisogno di tenerezza;
  • bisogno di infinito (infinito amore, tenerezza) non ci basta mai quello che raggiungiamo, siamo fatti per l’infinito;
  • bisogno di dare un senso alla vita. Tutti noi abbiamo bisogno di capire il significato della nostra vita. Dentro di noi abbiamo tutti i grandi perché. Avere coscienza dei nostri limiti, cercare di dare un senso a questi perché è una parte sana;
  • bisogno di unità e di armonia. Noi non siamo fatti per la divisione perché Dio è unità e quindi siamo felici solo se tendiamo a questa unità e armonia, abbiamo bisogno di relazione, siamo fatti per stare in comunione non siamo fatti per isolar cima per relazionarci.

 Queste parti sane sono in tutti, l’unica differenza è che qualcuno le mette a tacere, non le sviluppa, mentre altri si. Nella coppia è importante che i coniugi sviluppino queste parti sane.

Le parti ferite, invece, sono diverse in ognuno di noi a differenza delle parti sane. Alcuni esempi: ferite dell’io, condizionamenti psicologici, le deprivazioni affettive, i traumi psichici. Ognuno di noi deve conoscere quali sono le parti sane e quelle ferite, per rimuoverle e guarirle a livello personale e nel vissuto degli sposi per divenire coppia. Solo così la coppia può instaurare la giusta relazione, una relazione forte.

La donna deve sentirsi amata dal marito e l’uomo deve sentirsi apprezzato e stimato. La tenerezza è in tutti noi e nella coppia bisogna sviluppare questa parte sana. Gli sposi sono chiamati alla santità. La coppia riesce ad essere una coppia forte quando diventano medico l’uno dell’altra ovvero quando si aiutano a vicenda per guarire dalle proprie ferite. La coppia è chiamata a costruire il “noi” per andare in un’unica direzione (1+1= 3 io e tu= noi)  insieme si fatica e si pedala nella stessa direzione.

VEDERE LA COPPIA COME UN TANDEM

Immaginiamo un tandem le cui ruote sono una il realismo ed una la tenerezza.

La ruota del realismo: no ai miti, no al pensare che il partner sia perfetto, che per andare d’accordo bisogna essere uguali, che il partner non abbia ferite, che il sesso faccia miracoli.

La ruota della tenerezza significa imparare a perdonarsi, accoglienza reciproca, sana gestione dei conflitti, rispetto delle differenza, linguaggio positivo.

Il telaio del tandem rappresenta:

  • La Comunicazione, che non è informazione ma è un incontro cuore a cuore, evitando la comunicazione a doppio linguaggio ovvero quando si pensa una cosa e se ne dice un’altra (soprattutto le donne);
  • La Condivisione, l’ascolto empatico, complice, il primo amico è il nostro coniuge, avere  coscienza del noi;
  • Le Conferme, tutti abbiamo zone di insicurezze e se non riceviamo conferme cadiamo ancora di più nell’insicurezza;
  • La Correzione, sapersi correggere, è una sciocchezza dire “sono fatto così e basta” ma insieme si può cambiare e migliorare nel rapporto di coppia.

Il sacramento delle nozze porta un dono speciale: lo Spirito Santo. 

Lo Spirito ci aiuta a trasformare le nostre debolezze in forza affinché si attui questa reciproca tenerezza sul modello Cristo-Chiesa. Gli sposi non sono più soli, lo Spirito Santo è il sigillo della loro alleanza,  è la sorgente inesauribile che aiuterà gli sposi a re- innamorarsi, è la forza in cui si rinnoverà la loro fedeltà. La coppia deve invocare l’azione dello spirito santo e farsi trasformare. Lo Spirito Santo è l’amore comune del padre e del figlio.

Gruppi di Spiritualità della Tenerezza